campagna toscana capalbio abetone bagno vignoni certaldo marciana marina massa carrara montalcino monte pisanino poppi san miniato livorno lago di burano mare toscana monte argentario pitigliano porto ercole terme di saturnia toscana paesaggio toscana tramonto toscana Paesaggio toscana

Val di Cornia

La Val di Cornia costituisce l'estremità meridionale della provincia di Livorno; dal punto di vista fisico la valle è delimitata a Nord dal comune di San Vincenzo, a sud dalle colline che dividono la pianura di Grosseto da quella di Livorno, ad Est dai monti della zona di Gerfalco e ad Ovest dal mar Tirreno.

La valle prende il nome dal  fiume  Cornia, il quale  ha origine proprio dai monti di Gerfalco e che attraversa Suvereto per poi entrare prima nel territorio di Campiglia e poi in quello di Piombino, dove sfocia nel mare nel punto chiamato Bocca di Cornia.

I comuni che fanno parte della Val di Cornia sono Campiglia Marittima, Monteverdi Marittimo, Piombino, San Vincenzo, Sassetta e Suvereto.

La Val di Cornia è stata più volte definita il Giardino della Toscana, grazie al suo vario territorio fatto di pianure fertili e di dolci colline e per la vicinanza del mare. Qui si trovano anche le ultime propaggini delle Colline Metallifere ricoperte da querceti, lecci, tigli e folte macchie che offrono riparo a diverse specie di animali, tra cui caprioli, istrici, tassi, ghiri, scoiattoli e piccoli cinghiali.

Questo territorio è connesso in maniera inscindibile alla sua antica storia, che comincia all'epoca degli Etruschi e dei Romani: è assai noto il promontorio di Piombino che separa l'omonima cittadina dal Golfo di Baratti; proprio sulla sua sommità si erge il borgo medievale di Populonia, con le sue necropoli etrusche (rinvenute anche a Baratti). Legato al Parco archeologico di Baratti e Populonia, è il Museo Archeologico del territorio di Populonia, che spiega le trasformazioni legate al promontorio dalla preistoria agli etruschi, fino all'età moderna, attraverso particolari ricostruzioni degli ambienti, del popolamento e delle attività dell'area.

Tra i pezzi più importanti presenti nel museo segnaliamo i diversi manufatti preistorici, reperti provenienti dagli scavi delle necropoli etrusche e materiali di epoca romana, fra cui il famoso Mosaico dei Pesci. Altrettanto nota l'Anfora d'argento rinvenuta nel 1968 nel tratto di mare tra Baratti e San Vincenzo.

Agli appassionati di enogastronomia ricordiamo infine i vini della Val di Cornia, conosciuti a livello nazionale e internazionale, molti dei quali possono vantare la denominazione di origine controllata.

Share |