campagna toscana capalbio abetone bagno vignoni certaldo marciana marina massa carrara montalcino monte pisanino poppi san miniato livorno lago di burano mare toscana monte argentario pitigliano porto ercole terme di saturnia toscana paesaggio toscana tramonto toscana Paesaggio toscana

Valdarno Superiore

Il Valdarno Superiore è una valle delimitata a Nord-Est dal massiccio del Pratomagno e a Sud-Ovest dai Monti del Chianti. Il fiume Arno, che scorre da Sud-Est a Nord-Ovest, vi entra attraverso una lunga gola che si è scavato con il suo corso, chiamata la «valle dell'Inferno» ed esce dalla Stretta dell'Incisa.

Dal punto di vista amministrativo l'area è divisa fra la provincia di Arezzo e quella di Firenze. Le cittadine principali del Valdarno Superiore sono Figline Valdarno, Incisa in Val d'Arno, Montevarchi, Pian di Scò, Reggello, San Giovanni Valdarno e Terranuova Bracciolini.

Quest'area è molto suggestiva dal punto di vista paesaggistico: assolutamente da visitare il massiccio montuoso del Pratomagno con i suoi monti dalle quote elevate, fra i 1200 e i 1500 metri sul livello del mare. Gli ambientali che vi si trovano sono di eccezionale interesse paesaggistico: sulle alture predominano foreste di conifere e di faggi, di cerro e di castagno; sulle pendici più basse troviamo invece estese coltivazioni di viti e di olivi.

Il turista appassionato di storia non resterà certo deluso: la storia del Valdarno Superiore è antichissima, i primi insediamenti umani di cui si ha testimonianza si riferiscono al periodo etrusco ( II secolo a. C.). La zona fu occupata dai Romani che vi costruirono la “Cassia Vetus” o “Via Clodia” che univa Arezzo, Fiesole e Firenze (ora chiamata strada dei Setteponti), dai Goti e dai Bizantini.

Sono molteplici le testimonianze artistiche: le pievi romaniche, i piccoli centri montani, un tempo abbandonati ed oggi ristrutturati, i borghi come San Giovanni Valdarno, con i caratteristici centri storici medievali, non potranno non affascinare i visitatori.

Il Valdarno Superiore unisce alle bellezze storico naturalistiche del suo territorio, la produzione di manufatti tipici artigianali in vetro e legno ed i prodotti dell'agricoltura, tra cui ricordiamo l'ottimo vino e l'olio pregiato.

Gli sportivi poi potranno dedicarsi ad escursioni, a vie alpinistiche su roccia o su ghiaccio e alle tradizionali ciaspolate in montagna.

Share |