campagna toscana capalbio abetone bagno vignoni certaldo marciana marina massa carrara montalcino monte pisanino poppi san miniato livorno lago di burano mare toscana monte argentario pitigliano porto ercole terme di saturnia toscana paesaggio toscana tramonto toscana Paesaggio toscana

Pontremoli

Centro principale dell'alta Lunigiana, in provincia di Massa Carrara, Pontremoli sorge in una conca ai piedi dell'appennino, nella vallata dove confluiscono il fiume Magra con il torrente Verde a circa 250 mt di altezza. Il paese era una  tappa fondamentale dell'antico percorso della Via Francigena che collegava la Val  Padana con la Liguria e la Toscana.

Storia di Pontremoli

Per la sua collocazione strategica Pontremoli è sempre stata impegnata a difendere la propria autonomia; sin dal 1300 viene contesa tra le varie signorie italiane e straniere (Rossi di Parma, Scaligeri,Visconti, Sforza, francesi, spagnoli) fino a che, nel 1650, il paese passa a far parte del Granducato di Toscana, nel 1778 ottiene il titolo di città e nel  1848 entra nel Ducato di Parma per rimanervi fino all'unità d'Italia. A partire dalla metà del 1600 il borgo medievale si trasforma e si arricchisce con la ristrutturazione di chiese, case e torri; sulle facciate dei palazzi, che fino a quel momento erano di aspetto severo, vengono eseguite numerose decorazioni ad affresco, in gran parte riferibili a due famiglie di pittori lombardi : i Natali e i Contestabili, che insieme a Gherardini e ai fratelli Galeotti furono i maggiori esponenti del cosiddetto “Barocco pontremolese”.

Oggi Pontremoli è anche conosciuta come la “città del libro”. Infatti è stato il principale luogo d'origine dei librai ambulanti, i quali nel corso del secolo XIX, fecero crescere le fiere librarie di notevole importanza ed è proprio dalla loro tradizione che nasce il prestigioso premio letterario “Bancarella”, assegnato ogni anno nella cittadina la seconda domenica di luglio. Altro evento che si ripete ogni anno a Pontremoli, è la tradizionale sfida dei falò tra i quartieri di San Nicolò e quelli di San Geminiano. Si tiene il 17 ed il 31 gennaio. La rivalità tra i due quartieri risale al tempo delle lotte tra guelfi e ghibellini, ed oggi rivive in questa sfida dove risulterà vincitore chi riuscirà ad allestire il falò più grande e durevole (le fiamme raggiungono anche i 30 metri in altezza). Il 17 è il momento del falò di San Nicolò sul greto del fiume Verde, il 31 sarà la volta di San Geminiano sul fiume Magra, durante i falò vengono intonati canti contro il quartiere rivale.

Da visitare a Pontremoli

Tra le viuzze dell'elegante borgo si aprono le piazze della Repubblica (dove si trovano il palazzo comunale e il palazzo del tribunale) e piazza del Duomo, separate dalla torre del Campanone. La cattedrale di S. Maria del Popolo (Duomo), progettata dall'architetto Alessandro Capra nel 1636 e rimaneggiata più volte nel corso degli anni fino al completamento della facciata neoclassica di Vincenzo Micheli nel 1881, presenta un'unica navata sormontata da una grande cupola e cappelle laterali. La chiesa all'interno è riccamente decorata con stucchi dorati del sec.XVIII, nella nicchia al centro dell'abside è conservata una statua lignea della madonna in trono con bambino. Importanti dipinti settecenteschi si trovano nel presbiterio e nel coro.

Salendo per un ripido percorso da via Garibaldi ci si inerpica nel borgo del Pignaro da dove si gode una bella vista della città e della  vallata circostante. Della struttura originale del castello (IX-X) rimane ben poco, ma al suo interno è stato allestito un importante museo che vale la pena visitare: il museo delle statue-stele lunigianesi.

Da piazza della Repubblica, percorrendo via Ricci Armani dove si trova palazzo Dosi (progettato e decorato da G.B. Natali con A. Contestabili e G. Galeotti) e proseguendo via Cavour, si attraversa il fiume e subito a destra troviamo la chiesa di Nostra Donna, interessante esempio di architettura Rococò interamente conservata. Da visitare sono anche la chiesa di S. Cristina e la chiesa di  S. Giacomo d'Altopascio.

Dove si trova Pontremoli

Per ulteriori informazioni su Pontremoli

Comune di Pontremoli, piazza del Municipio
54027 Pontremoli (MS) Tel. +39 0187 46011

Share |