campagna toscana capalbio abetone bagno vignoni certaldo marciana marina massa carrara montalcino monte pisanino poppi san miniato livorno lago di burano mare toscana monte argentario pitigliano porto ercole terme di saturnia toscana paesaggio toscana tramonto toscana Paesaggio toscana

Vacanze Grosseto

Grosseto è una città di circa 80.000 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia e principale città della Maremma Toscana. La città è situata ad appena una decina di chilometri dal mare; il territorio comunale rientra in diverse aree protette: la Riserva naturale Diaccia Botrona, il Parco naturale della Maremma e il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, oltre al Santuario dei Cetacei, un'area marina protetta a livello internazionale.

La storia di Grosseto ha origini antichissime; i reperti archeologici recuperati in questa zona ci testimoniano che le prime tracce risalgono addirittura alla preistoria: nella Grotta della Fabbrica e nella Grotta dello Scoglietto sono stati rinvenuti reperti risalenti all'Età del Rame e a quella del Bronzo.

La stessa area risulta abitata anche in epoche successive, all'età degli etruschi e dei romani; nonostante questo, il nome della città compare per la prima volta solo in una pergamena dell'803 d.C. , in cui si dice che l'antica chiesa di San Giorgio è concessa dal vescovo di Lucca a Ildebrando Aldobrandeschi. La famiglia Aldobrandeschi, di origine longobarda, controllò a lungo questa zona; proprio grazie a loro, la città di Grosseto raggiunse il suo massimo splendore e un forte incremento demografico.

L'inizio del Duecento segnò la nascita del libero Comune e, nel 1204, venne approvato il primo statuto, chiamato la Carta delle Libertà, dove erano stabiliti i nuovi rapporti tra gli Aldobrandeschi e i cittadini di Grosseto e i legami economico-politici con la città di Siena.

Sottomessa ai Senesi nel 1336, controllata dalla famiglia Medici nel XVI secolo e infine passata ai Lorena, nel 1700 nella città iniziarono importanti opere pubbliche per la bonifica dell'intero territorio maremmano: Grosseto andò incontro ad una rapida rinascita economica e culturale, interrotta dall'occupazione delle truppe francesi di Napoleone. Il Congresso di Vienna del 1815 decise per il ritorno del Granducato di Toscana nelle mani di Ferdinando III di Toscana; nel 1861 il plebiscito sancì la sua annessione al Regno d'Italia.

Nonostante la superficie relativamente contenuta del centro storico di Grosseto, la città conserva molti monumenti ed edifici di grande valore storico ed artistico.

In Piazza Dante è possibile ammirare una delle testimonianze più antiche: si erge infatti la Colonna romana, qui posizionata a partire dal Medioevo. In un'altra piazza cittadina, Piazza Baccarini, c'è invece il monumento in bronzo dedicato al famoso letterato duecentesco Andrea da Grosseto, uno dei primi scrittori in lingua italiana.

Assai numerosi gli edifici religiosi: la Cattedrale di San Lorenzo, intitolata al patrono della città e risalente al 1200, la Chiesa della Misericordia, quella di San Pietro (la più antica di Grosseto) la Chiesa di San Giovanni e l'Abbazia di San Rabano, di epoca medievale.

Molto bella anche la Basilica del Sacro Cuore, costruita a partire dal 1954 in memoria delle vittime del bombardamento del 1943. Il progetto è di Ernesto Ganelli, che la volle a navata unica, con un loggiato imponente e con una cupola rivestita in rame sulla quale è posta la statua del Sacro Cuore. Accanto alla Basilica troviamo il campanile a pianta ottagonale e altri edifici annessi alla chiesa.

Dove si trova Grosseto

Share |