campagna toscana capalbio abetone bagno vignoni certaldo marciana marina massa carrara montalcino monte pisanino poppi san miniato livorno lago di burano mare toscana monte argentario pitigliano porto ercole terme di saturnia toscana paesaggio toscana tramonto toscana Paesaggio toscana

Le Colline Metallifere

Le Colline Metallifere sono oggi una meta di vacanze per chi cerca il contatto con la natura, alla scoperta di antiche ferrovie e miniere dimesse e riconvertite, borghi medievali, antichi castelli ed abbazie.

Le Colline Metallifere costituiscono il più importante ed esteso sistema montuoso dell'Antiappennino toscano. Si trovano nella parte centro-occidentale della Toscana e si estendono a cavallo tra le province di Grosseto, Livorno, Pisa e Siena. L'area, piuttosto vasta, interessa diverse cittadine; tra le principali ricordiamo Campiglia Marittima, Castelnuovo di Val di Cecina, Castiglione della Pescaia, Chiusdino, Gavorrano, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Monteverdi Marittimo, Montieri, Pomarance, Radicondoli, Roccastrada, Sassetta, Scarlino e Suvereto.

Il territorio è quasi esclusivamente collinare: infatti solo le vette del Poggio di Montieri e delle Cornate di Gerfalco superano i 1000 metri di altezza. Tutta l'area è ricca di numerosi giacimenti minerari molti dei quali conosciuti e sfruttati già al tempo degli Etruschi come testimoniano numerosi siti archeologici. Lo sfruttamento minerario continuò anche nel Medioevo, ma il picco si ebbe nell'Ottocento, dopodichè iniziò il progressivo declino.
Le miniere principali si trovavano nei comuni di Gavorrano, Massa Marittima, Montieri e Boccheggiano. A testimonianza delle attività estrattive del passato rimangono il Pozzo Roma e il Pozzo Impero, che si trovano nei pressi di Gavorrano.
Per consentire lo spostamento dei materiali estratti venne sviluppata una vesta rete di ferrovie, la maggior parte delle quali sono oggi dimesse ed oggetto di recupero a fini turistici.

A livello locale, precisamente tra la provincia di Grosseto e quella di Pisa, sono presenti nel sottosuolo anche fonti di energia geotermica: i soffioni boraciferi ne sono la conseguenza visibile.

La maggiore risorsa di questo territorio sono proprio le Colline Metallifere in sé: il turista che voglia trascorrere vacanze immerso nella natura non può evitare una tappa in quest’area.
Oggi inoltre con il Parco Tecnologico e archeologico delle Colline Metallifere grossetane è stato raggiunto l’obiettivo di salvaguardare i siti minerari dimessi riconvertendoli in itinerari turistici di grande interesse.
Numerose sono anche le testimonianza culturali ed artistiche: l'area archeologica etrusca nei pressi di Vetulonia, i molteplici castelli medievali (Il Castello di Scarlino, antica rocca aldobrandesca, quello di Belagaio, il Castello di Monte Lattaia e il Castel di Pietra, per citare solo i principali) l'Abbazia di San Salvatore a Giugnano e quella di San Bartolomeo a Sestinga.

Share |