campagna toscana capalbio abetone bagno vignoni certaldo marciana marina massa carrara montalcino monte pisanino poppi san miniato livorno lago di burano mare toscana monte argentario pitigliano porto ercole terme di saturnia toscana paesaggio toscana tramonto toscana Paesaggio toscana

Chianti

La regione del Chianti si trova nel cuore della Toscana e si estende tra le città di Firenze e Siena, tra le quali è amministrativamente divisa.

Questo territorio è conosciuto in tutto il mondo per uno dei vini più famosi d'Italia, il Chianti appunto, ma anche per le sue bellezze naturali ed artistiche.

Sulle dolci colline si alternano fitti boschi rigogliosi e ordinate coltivazioni di vigneti e ulivi, che danno vita ad un paesaggio unico e spettacolare. Antiche chiese, castelli, piccoli borghi medievali, monasteri, ville e casolari sono la testimonianza di una terra dalla lunga storia: durante il Medioevo fu aspramente conteso tra Siena e Firenze, città rivali, fino a quando, nel sedicesimo secolo, la famiglia de Medici impose la sua egemonia sull'intera Toscana.

Percorrendo la via Cassia si possono rivivere i viaggi dei mercanti e dei pellegrini medievali che dal nord Europa si recavano a Roma, ammirando sulla strada le costruzioni dell'epoca: abbazie, pievi e chiese, tutte conservate in splendido stato.

Fra le cittadine nate lungo la via Cassia meritano una visita almeno San Casciano Val di Pesa, Barberino Val d'Elsa e Tavarnelle Val di Pesa.

San Casciano fu fondata dai Vescovi fiorentini rimase di proprietà della chiesa fino al XIII secolo, quando fu annessa alla Repubblica fiorentina: ce lo ricordano le numerose chiese presenti sul territorio, come la Collegiata, la chiesa della Misericordia e la Chiesa di Santa Maria del Gesù. Il museo di arte sacra allestito all'interno del castello accoglie le migliori opere d'arte del territorio.

Barberino Val d'Elsa conserva ancora oggi l'aspetto che gli venne dato nel periodo medievale: le mura fortificate, il Palazzo Pretorio (XIV secolo), le torri, la chiesa di San Bartolomeo e lo Spedale dei Pellegrini (XIV secolo) sono rimaste pressoché intatte, rendendo il paese particolare e suggestivo.

Nel territorio di Tavarnelle merita una visita il borgo medievale di San Donato in Poggio: sono ancora visibili gran parte dell'antica cinta muraria costruita a protezione della cittadina, il palazzo Malaspina, uno dei simboli del Rinascimento italiano e la chiesa gotica del XV secolo di Santa Maria della Neve.

Oltre alla via Cassia c'è un'altra importante direttrice che attraversa il Chianti: si tratta della via La via Chiantigiana. Rispetto a quello precedente è un percorso meno artistico ma più naturale, poiché questa antica strada attraversa in tutta la sua lunghezza la regione viticola.

Anche qui non mancano le testimonianze dell'opera dell'uomo: a Castelnuovo Berardenga, venti chilometri a sud di Siena, si ergeva un castello costruito nel 1366 di cui rimangono una torre e pochi resti; di maggiore rilevanza architettonica la villa Chigi Saracini, cinta da un grande parco, che sovrasta il paese.

Risalendo verso nord incontriamo Gaiole in Chianti, noto centro vinicolo e di villeggiatura.

Durante il Medioevo fu un importante commerciale; i numerosi castelli e pievi nei dintorni (la pieve di Santa Maria a Spaltenna, il castello di Vertine, quello di Brolio) sono il risultato di un'epoca fiorente e prospera.

L'itinerario può continuare verso Radda in Chianti: posta su un poggio al confine tra il territorio fiorentino e quello senese, fu spesso coinvolta in guerre e travagliate vicende storiche. Merita una visita la pieve romanica di Santa Maria Novella, unica nel territorio del Chianti e di notevole interesse artistico per i suoi capitelli preromanici decorati con simboli zoomorfi, figure mostruose e disegni floreali che raramente si trovano in questa zona.

Mappa del Chianti

Share |